La FICE per la Giornata Internazionale della Donna

Contro ogni chiusura mentale e culturale è lo slogan scelto dalla FICE – Federazione Italiana Cinema d’Essai per la propria iniziativa, in programma lunedì 8 marzo.

Una data simbolica, quella dell’8 marzo, che cade a un anno esatto dopo la chiusura generalizzata dei cinema in Italia e che coincide con la Giornata Internazionale della Donna.

L’appello a riaprire simbolicamente alle ore 20 i cinema d’essai è rivolto alle oltre 500 sale d’essai, con la programmazione di film che parlano di donne, della loro lotta quotidiana, con un forte messaggio di condanna verso ogni violenza di genere.

Per le sale d’essai”, commenta il Presidente FICE Domenico Dinoia, “il cinema non rappresenta solamente una forma di intrattenimento e svago, ma da sempre svolge un importante ruolo sociale e culturale, contribuendo alla crescita civile del paese. Proprio in questi ultimi mesi”, prosegue, “stiamo assistendo ad un incredibile aumento degli episodi di violenza contro le donne, spesso sfociati in crudeli femminicidi. Proprio il cinema d’autore ha proposto negli ultimi anni molti film che hanno affrontato il tema, e per questo, nonostante le sale siano ancora chiuse, vogliamo dare un segnale di vicinanza a tutte le donne proiettandoli ‘simbolicamente’ nelle nostre sale”.

Tra i tanti titoli che sono stati proposti alle sale associate: i documentari Santa subito, Sono innamorato di Pippa Bacca, Nilde Jotti Il tempo delle donne, Alla mia piccola Sama; i lungometraggi Cosa dirà la gente, La candidata ideale, Sola al mio matrimonio, Sofia, Dio esiste e si chiama Petrunya, Marie Curie, Miss Marx, Non conosci Papicha, Rosa Pietra Stella, Persepolis, Ribelli, Sisterhood, Vogliamo anche le rose. Sono solo alcuni dei titoli che simbolicamente saranno proiettati nei cinema l’8 marzo, con la speranza di poter tornare presto ad accogliere il proprio pubblico.

Il cinema è un valore primario – SOSTENIAMOLO!

Un anno fa, esattamente il 24 febbraio, è iniziato un anno incredibile, che ha visto chiudere i cinema di tutto il paese.
Nonostante il periodo buio, la voglia di reagire è ancora tanta.

Il Cinema Ratti partecipa all’iniziativa del gruppo Facebook Il cinema è di chi lo guarda, che ha promosso una campagna social in cui gli esercenti hanno messo la faccia per dimostrare di esserci ancora, e di voler far sentire la propria presenza in un periodo dove la cultura, non solo i cinema e i teatri, è stata abbandonata a se stessa.

Verrà ricordata questa data funesta nella puntata di PILLOLE DI NUVOLE IN VIAGGIO, giovedì 25 febbraio.

Si parlerà di quello che è successo e sta succedendo nel settore in Italia con Simone Gialdini (Direttore Generale dell’Anec), in Europa con Sonia Ragone (Europa Cinemas), senza tralasciare la vicina Svizzera, con Fausto Colombo, giornalista italiano che vive a Zurigo, e la Repubblica di San Marino, con Marilia Reffi e Vito Testaj, responsabile Cinema e direttore degli Istituti Culturali RSM. e poi… una clip da L’Ultima Ruota, in viaggio verso San Remo, e la rinnovata campagna #ilcinemaè.

 

Spot FICE 2021

 “Vi abbiamo fatto conoscere registe e registi del cinema italiano e internazionale, facendovi innamorare dei loro film più belli”: così la Federazione Italiana dei Cinema d’Essai, che rappresenta oltre 500 cinema indipendenti di tutta Italia, dà il via al nuovo spot, destinato ad illuminare il grande schermo appena possibile.

Da sempre siamo il punto di riferimento del cinema indipendente e di qualità”: a dimostrazione del rapporto instaurato negli anni con il proprio pubblico, innamorato del cinema d’autore da tutto il mondo, scorrono nel nuovo spot volti notissimi e meno noti di tanti artefici di capolavori della storia del cinema, registi affermati e di culto.

Da Marco Bellocchio a Martin Scorsese, da Ken Loach a Pedro Almodovar, da Woody Allen e Nanni Moretti a Bong Joon-ho e Spike Lee; da autrici come Valeria Golino, Céline Sciamma, Alice Rohrwacher, Sofia Coppola ed Emma Dante fino a Gianfranco Rosi, i Fratelli Dardenne, Alejandro Gonzalez Iñarritu; senza dimenticare due autori attesi al cinema con i nuovi e già premiatissimi film – Thomas Vinterberg e François Ozon – e due immensi talenti che ci hanno lasciato da poco, Agnès Varda e Kim Ki-duk: una selezione significativa tra le decine di autori di riferimento, i principali volti che riconoscerete nei 60” dello spot che da martedì 19 gennaio approderà sui social network e nei siti web della vostra sala preferita, in attesa di debuttare su grande schermo al momento della riapertura.

Per gli esercenti delle sale d’essai, per il loro ruolo fondamentale di presidio culturale e sociale, è un modo per restare vicini al pubblico anche in questi lunghi mesi di prolungata sospensione dell’attività”, afferma Domenico Dinoia, Presidente FICE, “ringraziando i tanti spettatori che non hanno mancato di far pervenire la loro solidarietà e con la promessa di accoglierli nuovamente, nel migliore dei modi e con tanti bellissimi film, appena sarà possibile. Ritroveremo insieme, con tutte le precauzioni necessarie, il piacere di una visione condivisa su grande schermo”.

Domenica 13 dicembre 2020: “Il cinema c’è”

Domenica 13 dicembre 2020 un gruppo di sale cinematografiche d’essai lombarde propongono una riapertura simbolica dei propri cinema con l’auspicio che possa essere il primo atto di una serie di iniziative per riaffermare che IL CINEMA C’È!

L’iniziativa è prevista nel giorno in cui si celebra Santa Lucia, protettrice degli occhi nonché della luce che rischiara l’inverno dopo la notte più lunga. Augurandosi di poter rivedere al più presto le luci di tutti i cinema di nuovo stabilmente accese, le sale promotrici prendono spunto da tale culto per riaffermare come il rito collettivo della sala cinematografica protegga e custodisca la vivacità culturale dello sguardo.

Come già accaduto a maggio scorso in occasione dell’iniziativa promossa dall’Associazione Nazionale degli Esercenti Cinema in concomitanza con la premiazione dei David di Donatello, domenica 13 dicembre 2020 le sale aderenti riaccenderanno le insegne luminose e riapriranno simbolicamente le porte dei propri cinema.

Le recenti disposizione governative hanno sancito la proroga della sospensione delle attività di spettacolo fino a venerdì 15 gennaio 2021 senza indicare una possibile data di riapertura, mentre nel resto d’Europa alcuni Paesi si apprestano a riaprire i luoghi di spettacolo per le festività natalizie.

Nel frattempo si sente parlare di cinema soltanto a proposito delle piattaforme streaming, ma gli esercenti vogliono offrire una nuova occasione di incontro agli spettatori “che vorranno passare a trovarci, per ribadire con forza la nostra convinzione: il luogo deputato alla fruizione filmica è e resterà la sala cinematografica, autentico presidio culturale, sociale ed educativo, per l’insostituibilità dell’esperienza della visione collettiva sul grande schermo e la capacità di far vivere al pubblico un momento di incontro e di relazione interpersonale, dal vivo”.

Domenica 13 dicembre 2020 ogni sala organizzerà liberamente la propria ‘apertura’ per sottolineare quella varietà e indipendenza di sguardi e quella qualità di proposte che sono caratteristiche del lavoro delle sale d’essai.

DOMENICA 13 DICEMBRE INVITIAMO GLI SPETTATORI CHE, PUR A SALA CHIUSA, VORRANNO PASSARE A TROVARCI, PER RIBADIRE CON FORZA LA NOSTRA CONVINZIONE: CHE IL LUOGO DEPUTATO ALLA FRUIZIONE FILMICA DEVE RIMANERE ANCHE IN FUTURO LA SALA CINEMATOGRAFICA, AUTENTICO PRESIDIO CULTURALE, SOCIALE ED EDUCATIVO SUI TERRITORI, PER L’INSOSTITUIBILITÀ DELL’ESPERIENZA DELLA VISIONE COLLETTIVA SU GRANDE SCHERMO E LA CAPACITÀ DI FAR ESPERIRE AL PUBBLICO ESPERIENZE DI INCONTRO E DI RELAZIONE INTERPERSONALE “REALE”.

SARÀ POSSIBILE ACQUISTARE INGRESSI PREPAGATI IN VISTA DELLA FUTURA RIAPERTURA DEL CINEMA.

Il Cinema c’è, per Santa Lucia riaprono le sale d’essai